Alba ca zapada - Biancaneve (dolce romeno)







e quella bianca :-)) l'altra con glassa di cioccolato si chiama "Televizor"

crema:
1/2 l latte
3 cucchiai farina OO
250 gr burro o margarina
300 gr zucchero a velo
buccia e succo di 1 limone


sfoglia / l'impasto :
3 uova
5 cucchiai zucchero a velo
5 cucchiai olio ( di semi)
2 cucchiai latte
1 cucchiaio ammoniaca alimentare o bicarbonato o polvere lievitante ( viene meglio con l'ammoniaca alimentare che si compra nella farmacia)
sale
farina q.b. per ottenere un impasto non troppo duro (cca. 400 gr)



glassa :

zucchero a velo e succo di limone q.b. per diventare una crema
o
solo zucchero a velo


- il latte e i 3 cucchiai di farina amalgamate sul fuocco in una pentola con una frusta fino quando si ottiene una crema, la lasciamo a raffreddarsi
- amalgamiamo il burro con lo zucchero a velo e aggiungiamo tutto alla crema freda ( alla temperatura ambiente).
-aggiungiamo anche la buccia e il succo di un limone .
- sbattiamo le 3 uova piu' 5 cucchiai zuchero a velo, 5 cucchiai olio, 2 cucchiai latte e l'ammoniaca , sale e la farina.
- dividiamo l'impasto in 3 parti e stendiamo 3 sfoglie che facciamo cuocere sul retro della teglia infarinata per bene nel forno già caldo a fuocco medio per 2-3 minuti o fino quando avrano un colore dorato.
- scegliamo la sfoglia piu' bella per aggiungerla per ultima (sopra)


- su un tagliere o un piatto da portata grande quanto le sfoglie mettiamo carta da forno e la prima sfoglia , versiamo sopra 1/2 della crema , la seconda sfoglia e l'altra metà della crema e l'ultima sfoglia ( la piu' bella che non deve essere rotta )
- sopra il dolce cosi "construito" aggiungiamo carta da forno e un piccolo peso o un altro tagliere e lasciamo fino al giorno dopo, aò freddo ( non in frigo ma in una stanza fresca)

Nel secondo giorno versiamo sopra la glassa o solo zucchero a velo e possiamo tagliare il dolce a quadretti perchè e morbido .



in romana :

crema:
1/2 l lapte
3 linguri faina OO
250 gr unt sau margarina
300 gr zahar pudra
zeama de la 1 lamiie

foi:
3 oua
5 linguri zahar pudra
5 linguri ulei
2 linguri lapte
1 lingurita amoniac, bicarbonat sau praf de copt ( dar este indicat amoniacul)
1 virf de cutit de sare
faina cit cuprinde pentru a obtine un aluat nu prea tare (cca. 400 gr)

glazura :
zahar praf si suc de lamiie cit e nevoie ca sa obtinem o crema
sau numai zahar praf


- laptele si cele 3 linguri de faina se amesteca intr-un vas pe foc
- amestecam cu telul pina obtinem o crema care se desprinde de pe fundul vasului dupa care lasam la racit.
-se freaca untul sau margarina cu zaharul pudra peste care se adauga crema ( din lapte si faina) rece.
- coaja rasa si zeama stoarsa de la lamiie se adauga si ele in crema amestecata cu untul si zaharul.
- batem cele 3 oua cu 5 linguri de zahar pudra, adaugam 5 linguri de ulei, 2 linguri lapte, 1 lingurita de amoniac, un praf de sare si faina.
- impartim aluatul in 3, iar din fiecare parte intindem cite foaie pe care o coacem pe fundul tavii presarate cu faina sau pe hirtie de copt, la foc mediu citeva minute (2-3 minute) doar pina cind capata o culoare aurie.
- alegem cea mai frumoasa foaie si o tinem pentru a o aseza deasupra
- pe un fund de bucatarie asezam o foaie pe hirtie de copt, turnam jumatate din cantitatea de crema , asezam a doua foaie si turnam restul de crema dupa care aseazam deasuora foaia cea mai aratoasa ..
- peste prajitura punem o coala alba de hirtie si o greutate , un alt fund de bucatarie ( sa nu fie foarte mare greutate caci strivim prajitura) si lasam la rece pina a doua zi.

A doua zi turnam glazura sau doar pudram cu zahar pudra si taiem prajitura ale carei foi acum sunt moi.

6 commenti:

michela ha detto...

Belli questi dolci romeni.
Pensa che avevo una zia acquisita che veniva dalla Romania..non li sapeva fare questi..

Cristina ha detto...

Michela ne pure la mia mamma o le nonne,io ho imparato da una zia di mio padre che vive in Transilvania. Per me erano i dolci della vacanza e anche adesso gli faccio quasi sempre per le Feste di Natale o fine Anno, asociati sempre con la famiglia del mio padre. Adesso ho cercato le ricette e anche le foto che devono essere del lontano 2004 quando non sapevo tenere in mano una macchina fotografica :-)). Arrivero anche con la terza ricetta ( la devo trovare prima nel quaderno ).

roxana ha detto...

Arata super, parca si simt gustul cremei, dar sa stii ca ma omori cu ele, Gabi tocmai mi-a spus ca nu le-am facut nimic dulce de peste o saptamana jumate, si tot ma gandeam la "TV", dar mai am altceva pe lista inainte, apoi il fac si eu, ca mor de pofta, si apoi si alba ca zapada.

Cristina ha detto...

Roxana pe mine m-a intrebat cineva de reteta tradusa dc o stiu. Asa mi-am dat seama ca eu in o mie noua sute toamna cind le-am executat le-am si pozat asa cm ma pricepeam dar pe blog nu le publicasem haahah .. am venit din urma cu reteta si poze vechi ..
Nu am mai facut nimic dulce la cuptor de cind a dat caldura. Noi traim din muulteeee fructe, inghetate, orez cu lapte rece...

Romins ha detto...

Grazie! Però per farla mi sono fatta aiutare dalla cognata rumena che conosce pure la TV o tivi...

Cristina ha detto...

Brava Romins !

Ultimi commenti