Vellutata di castagne e cavolfiore arrostito - Creamy Roasted Cauliflower Chestnut Soup - Supa crema de castane si conopida coapta (whb # 377)



ingredienti

30 castagne
1 cavolfiore molto picolo
brodo vegetale ( acqua, sale, cipolla, carota e pastinaca, 1 cucchiaio di olio  )
1 tazza di latte (100 ml)
sale, pepe

prezzemolo
crostini di pane

Le castagne se sono intere le fate bollire in acqua con una foglia di alloro, una volte cotte sbuciatele togliendo anche la pelicina interna . Se sono secche lasciatele per una notte in ammolo e poi lessate e sbucciate la pelicina. O se avete già pronto usate una tazza ( 250 ml ) con purea di castagne (non zuccherate).

Mentre facevo bollire le castagne ho lavato e tagliato in picoli pezzi il cavolfiore, addaggiato su una teglia da forno ( salato e spruzzato un po' di olio sopra ) infornato a fuoco medio alto fino quando è cotto.

Versate la polpa delle castagne in una pentola, aggiungete il cavolfiore arrostito, 500 ml brodo vegetale e lasciate bollire per 10 minuti.  Togliete una parte del licquido e tenete da parte, frullate il resto e aggiungete il latte e adesso aggoiungete il resto di brodo secondo il vostro gusto se volete una crema piu' o meno licquida.

Assaggiate di sale e aggiungete se serve , pepate e servite con prezzemolo fresco e crostini di pane


  in romana

ingrediente :

30 castane fierte in apa cu frunza de dafin si apoi curatate de coaja maronie si de cea din interior * sau o cana de piure de castane
1 conopida mica
supa vegetala ( din ceapa, morcov, pastirnac, 1 lingura ulei, apa si sare)
1 ceasca cu lapte
sare, piper,
patrunjel
crutoane

* Castanele daca sunt intregi le crestati si le puneti la fiert in apa cu o foaie de dafin , ale mele erau intregi cu coaja dar congelate- in acest caz le puneti asa congelate in oala cu apa rece direct pe foc, cind sunt fierte le curatati de coaja tare exterioara marinie si evident de pielicica interna . Daca sunt castane uscate, dezhidratate atunci le puneti cu o seara inainte la umflat in apa iar dimineata le curatati pielita si le puneti la fiert mereu in apa cu o foaie de dafin .



In timp ce castanele fierbeau si mai apoi in timp ce le curatai ( nu uitati ca trebuie sa stea mereu in apa calda si sa le curatai asa fierbinti cit suportati , altfel nu se mai dezlipeste pielita cu usurinta) am pus in tava la cuptor pe hirtie de copt conopida spalata si taiata buchetele mici. Puteti sa puneti sare si putin ulei pe ea. Focul mijlociu spre mare in cuptor. O lasati acolo pina cind este moale ca intra furculita in ea.


Pulpa de castane sau piureul daca aveti asa ceva gata pregatit rasturnati in oala in care o sa pregatiti supa, adaugati conopida tinind citeva buchetele pentru ornat , la fel faceti si cu cite o castana de portie (ale mele s-au strivit toate si n-am mai avut ce pastra) , varsati supa si lasati sa fiarba cca 10 minute . Daca vis e pare ca e prtea mult lichid scoateti o parte si tineti separat. Mixati cu mixerul vertical castanele impreuna cu conopida si o parte din supa , adaugati laptele, amestecati si daca vreti mai adaugati supa pina obtineti consistenta dorita.


Gustati de sare si mai adaugati daca este nevoie . Adaugati piper macinat proaspat si serviti cu crutoane ( bucati de piine taiata cuburi , stropita cu ulei si incalzita in cuptor sau chiar direct in tigaie ) si putin patrunjel verde (opstional).

english

ingredients
30 chestnut
1 little cauliflower
vegetable broth (water, salt, onion, carrot and parsnip, 1 tablespoon of olive oil)
1 cup of milk (100 ml)
salt and pepper

parsley
bread croutons



Boil and peel the chestnuts or use 1 cup crumbled or puree chestnut.
Toss the cauliflower (salt and oil drizzle) on the oven pan with parchment until soften.
Pour the chestnuts in a pan, add the roasted cauliflower, 500 ml vegetable stock and simmer for 10 minutes, add milk and blend until smooth .

Add pepper and salt to taste . Serve with fresh parsley and bread croutons.

This is my entry for WHB # 377 this week hosted in english by Haalo     Questo è il mio contributo al WHB #377 questa settimana ospitato in italiano da Bri        

Torta senza uova (al cacao, cannella, uvetta e noci) - Prajitura fara oua - Eggless cake



Ingredienti

farina OO 200 gr
zucchero semolato 250 gr
cacao amaro 100 gr
cannella 1/2 cucchiaino
una bustina lievito per dolci
400 ml latte
1 manciata di gherigli di noci macinati ( alcuni piu' grandi )
1 manciata uvetta
burro per la teglia

Mescolate tutti ingredienti solidi farina con zucchero, cacao, lievito per dolci, cannella, noci e uvetta e aggiungete mescolando molto benne il latte.

Versate il composto nella teglia imburrata e infornate per 30 minuti a 180 °C .
Tagliate la torta soltanto una volta fredda.

in romana

Faina 200 gr
zahar tos 250 gr
cacao amara 100 gr
un praf de scortisoara dupa gust (1/2 lingurita )
praf de copt 1 plic
lapte 400 ml
1 pumn de miez de nuca
1 pumn stafide
unt  pentru tapetat tava


Se amesteca toate ingredientele uscate ( faina, zahar, cacao, praf de copt, stafidele,  nucile macinate sau si mai bine taiate cu cutitul si scortisoara ) si se adauga incet si amestecind cu o lingura laptele. Atentie la cacao care tinde sa formeze cocoloase daca nu ati trecut-o prin sita inainte .

Tapetam tava si varsam compozitia apoi introducem tava in cuptorul deja incalzit si coacem la 180 °C cca 30 minute.  Nu trebuie sa se usuce prea mult, faceti proba cu scobitoarea imediat ce vedeti ca la suprafata rezulta uscata.

Taiati prajitura numai cind s-a racit.
 

english


wheat flour  200 gr
sugar 250 gr
dark (bitter) cocoa 100 gr
cinnamon 1/2 teaspoon
baking powder 1
milk 400 ml
1 handfull wallnuts chopped
1 handfull raisins
butter for the pan

Mix together all dry ingredients flour, sugar, cocoa, backing powder , walnuts, raisins and cinnamon and add milk and mix all very well.

Grease the pan with butter and pour the batter into.
Bake at 180°C for 30 minutes .

Mancarica de bob - Fave in umido (ricetta romena) - Fava bean in tomato sauce




Ricetta romena raccolta nel suo libro "Bucate, vinuri si obiceiuri romanesti " ( Piatti romeni, vini e tradizioni  ) da Radu Anton Roman . Ha pubblicato anche un libro di ricette in francese (Savoureuse roumanie ) nel 2004. Scrittore, giornalista e realizatore di programi tv, amante della cucina romena è conosciuto  per le sue transmisioni culinare tra 2001-2005 e perchè nei '90 ha accompagnato Jacques Yves Cousteau nella delta del Danubio  il viaggio seguito da parte di J.Y. Cousteau di un documentario sul fiume Danubio e da R.A. Roman di un romanzo "Nella delta con Cousteau ".
Cucinava lui in tv o andava in giro nel paese e raccoglieva ricette, la gente lo ospitava e cucinava ricette dimenticate per lui. Una di queste ricette è questa  trovata in una paese nel distretto di Gorj. E alla fine dopo questa ricetta nel libro afferma "questa è archeologia non cucina" .

Ingredienti:

500 gr fave fresche ( se sono molto fresche potete usare anche il baccello )
1 cipolla
1 carota
500 gr pomodori molto maturi (come non è la staggione ho usato 400 gr polpa di pomodoro - conserva)
3 cucchiai olio ( in Romania si usa quello di semi, mais o girasole per di piu' )
sale, pepe
una manciata di aneto fresco ( io non c'è lo quindi ho usato una manciata di prezzemolo fresco e tritato)
1 bicchiere di panna acida ( se non c'è l'avete metete come me un bicchiere di panna fresca e 2 cucchiai di yogurt intero o al posto dello yogurt una cucchiaiata di succo di limone )


 - mettete le fave sbucciate o se sono fresche tagliate a pezzi i baccelli a bollire in acqua salata
- tritate la cipolla, la carota, i pomodori e anche l'aneto ( io ho tritato il prezzemolo)
- mettete nella pentola l'olio con la cipolla, la carota e i pomodori a cubetti
- una volta che le fave sono cotte ho scolato e ho versato le fave nel sugo con il pomodoro
- lasciate cuocere insieme un paio di minuti
- salate e aggiungete il pepe macinato
- in una ciotola mescolate la panna acida con l'aneto ( io con il prezzemolo) e versate tutto nella pentola con le fave se volete servire con la panna se no.. aggiungete solo le erbe e  servite. Secondo me è molto piu' buona con la panna .



in romana
Reteta copiata din Radu Anton Roman din cartea " Bucate, vinuri si obiceiuri românesti" 1998 Editura PAIDEIA Bucuresti si modificata cu ce ce am scris in paranteze



• 500 g pãstãi verzi de bob
• 1 ceapã
• 1 morcov
• 500 g rosii rãscoapte ( eu am pus o cutie de 400 gr cuburi de rosii )
• 3 linguri untdelemn
• sare, piper
• 1 legãturã groasã de mãrar verde ( am pus putin marar uscat si o legatura de patrunjel tocat)
• 1 pahar smântânã (numai dacã e vremea înfruptãrii) *(vezi nota )

• Se pun pãstãile de bob la fiert
• Se toacã ceapa, morcovul, rosiile, mãrarul
• Se înmoaie în untdelemn încins ceapa, morcovul si rosiile
• Se lasã sã scadã apa la fiert pânã bobul s-a muiat si mai cã nu mai e zeamã
• Se adaugã uleiul cu ce-i în el
• Se lasã sã dea ceva clocote, sã se împace si împreuneze
• Se sãreazã, pipereazã
• Se freacã smântâna cu mãrarul, se toarnã peste mâncare, se amestecã de un  clocot si un pic

" Asta e arheologie, nu mâncare" zicea in carticica Radu Anton Roman





* NOTA

cum nu am avut smintina ca in Romania am pus un pahar de smintina proaspata ( din cea care se bate si pentru frisca, evident ca nu e indulcita - aici se numeste panna fresca ) la care am adaugat vreo 2 linguri de iaurt .

In mod normal se poate pregati smintina fermentata, acra ca cea din Romania in felul urmator : intr-un pahar/borcan se varsa smintina proaspata si se adauga ORI citeva picaturi de lamiie ORI 1-2 linguri de iaurt, se lasa la temperatura camerei si in citeva ore aveti o smintina grasa si buna ca acasa .


Daca aveti bob proaspat si mai tinar puteti sa puneti si tecile taiate bucatele, sunt foarte bune la gust, eu le-am pus pe cele citeva care erau mai tinerele .

Cind puneti bobul ( adica boabele ) la fiert daca pielita acestuia este groasa mai bine o scoateti de la inceput si fierbeti numai cele doua "smaralde" care se gasesc in fiecare boaba. Asta pentru ca daca e putin trecut atunci nu mai fierbe in veci pielita in timp ce in mijloc e prea fiert.



english

 romanian recipe from the book "Bucate, vinuri si obiceiuri romanesti" by Radu Anton Roman

ingredients :

500 gr fresh fava beans ( if they are very fresh you may use also the pod)
1 onion
1 carot
500 g very ripe tomatoes (instead 400 grams of tomato pulp - preserve)

3 tablespoons oil
salt and pepper
a handful of fresh dill ( I used  2 tablespoons dry dill and a handful of fresh and chopped parsley)
1 water glass sour cream

- Put the fava beans (or when fresh chopped the fava beans pod also ) to a boil in salted water
- Chop the onion, carrot, tomatoes and dill (I chopped parsley)
- Put into the pan : oil with the onion, carrot and diced tomatoes
- Once the fava beans are cooked, I drained and poured the fava beans in tomato sauce
- Cook together a few minutes
-  Add salt and ground pepper
- In a bowl mix the sour cream with dill (parsley) and pour everything into the pot with the beans if you choose to serve it with sourcream ( it is better ) .

This is a romanian recipe for the European Culinary ABC a Trattoria Muvara blog  project

Send your recipe here

Benvenuti in Romania..Tutti a tavola, come antipasto oggi il Drob (con fegatini di pollo) - Welcome to Romania, you are all invited to the table .. as a starter today Drob (chicken liver) - Drob din ficatei de pui

BINE ATI VENIT ( in romeno significa "benvenuti" )

Dopo che Patrizia ci ha portati tutti in Portogallo siamo già arrivati alla lettera D del nostro Abbecedario Culinario della Comunità Europea un progetto della Trattoria Muvara il blog di Aiulik. Se molti di voi oggi stano partendo in viaggio verso la Romania  io torno a casa, anche se questa volta soltanto con il pensiero e il blog.

Vorrei iniziare con un tour virtuale trovato su youtube (13 minuti)  le foto sulla musica del piu' famoso compositore romeno George Enescu "Rapsodia Română"


La Romania è situata nella parte sud-est dell'Europa Centrale, direi un posto di frontiera tra est ed ovest. La sua posizione di frontiera in passato ha influenzato molto la cultura, le tradizioni  del popolo romeno e quello che a chi legge questo post interesa di piu' : la cucina.

Un tempo fa la Romania ( i tre principati romeni : Transilvania, Valacchia e Moldova) era in mezzo a tre grandi poteri : l'impero Otomano a sud, quello habsburgico ad ovest e nord e russo ad est e anche se occupate periodicamente e devastate rimangono gli unici paesi piccoli che sopravvivono in questa parte di Europa. La lingua romena è una lingua romanza anche se forse la meno latina delle lingue romanze che invece contiene molte parole slave acquisite dopo l'insediamento degli slavi nella penisola Balcanica. La posizione di frontiera si vede anche nella religione, la Romania sempre in mezzo tra l'ortodossia e il catolicesimo. L'ortodossia ( ovvero la lingua utilizzata nei testi religiosi ) aveva portato anche il suo alfabeto cirillico che sarà sostituito da quello latino soltanto iniziando con l'anno 1780 con un periodo di transizione fino al 1860 quando questo viene adottato per legge e il popolo romeno divene l'unico popolo ortodosso che scrive con i caratteri latini

La Romania è un paese con meravigliosi paesaggi naturali. Con i monti Carpazi (Carpaţi - la lettera ţ si legge come la z nella parola italiana vacanza) a forma di  ferro di cavallo in mezzo, al sud il Danubio (Dunărea - dove ă si legge come la a nell'inglese above) che fa da  confine con la Serbia e la Bulgaria e poi con la delta del Danubio che confina con l'Ucraina e ad est il Mar Nero (Marea Neagră).



Un'altra ricchezza della Romania sono " i laghi con acque e fanghi con proprietà terapeutiche e i sorgenti di acqua termale, alcuni come Buzias e Baile Herculane risalgono ai tempi degli antichi romani. Un terzo delle sorgenti minerali d’Europa si trovano nel territorio rumeno e attualmente sono circa settanta le terme attive. " http://www.romaniaturismo.it/terme-e-centri-benessere/.    Le miniere di sale dismesse o solo parzialmente, sono diventate siti curativi,  rimedio terapeutico per le malattie dell'apparato respiratorio, possono essere visitate : Turda, Slanic, Cacica, Praid.


Da vedere i volcani fangosi vicino Buzau.


I castelli da visitare (alcuni) in Romania :
     Castelul Bran il piu' conosciuto  per il romanzo di Bram Stoker, una fortezza al confine tra la Transilvaia e la Valacchia, il preferito della regina Maria di Romania ;     Castelul Peleş molto piu' nuovo costruito dal Re Carol I Di Romania tra il 1873 e il 1914, anche lui tra la Transilvania e la Valacchia;   Castelul Corvinilor o Castelul Huniazilor ;   Cetatea (Rocca/Fortezza) Râşnov costruita dai Cavalieri Teutonici attorno al 1215, citata per la prima volta in un documento del 1331;   Palatul Culturii din Iași ( Il pallazzo della cultura di Iași dove la lettera ș si legge come sc nella parola italiana scivolare ) costruito durante il regno del Re Ferdinand di Romania e inaugurato nel 1926 ;  Cetatea (Fortezza) Târgoviște con la sua torre Chindia la capitale della Valacchia (Muntenia);   Cetatea (Fortezza) Poenari è questa la vera fortezza/castello di Vlad Tepes che alcuni pensano di aver ispirato il personaggio Dracula ;  Castelul Săvârșin - è il castello della famiglia reale romena. Construito nel 1650-1680 e in proprietà del Re Mihai I Di Romania dal 1943 quando è stato acquistato, confiscato dal regime comunista nel 1948 e rientrato nella proprietà della famiglia reale soltanto nel 2001.  Oggi in restauro si pensa che potrebbe essere visitabile nel autunno 2013.



Da visitare i monasteri dipinti in Moldova (Bucovina) e quelli in Valacchia (Oltenia) come Horezu o Govora costruite  in stile clasico romeno (Brâncovenesc). Horezu conosciuta anche per la sua ceramica e Govora per le terme. Ci sono anche le chiese in legno di Maramures  e  i monasteri di Dobrogea e delta del Danubio, il cimitero allegro a Sapinta (Maramures, nord della Transilvania). Il treno a vapore ( mocanita) in Maramures .




   Bucarest,  non è soltanto la capitale della Romania ma anche la mia cità natale. Non so proprio da dove incominciare. Chiamata nel passato anche "la piccola Parigi" la mia cità è piena di parchi tra questi il Parco Cismigiu è il piu' antico e centrale, qui io andavo da piccola con il mio nonno (lui gioccava a scacchi qui).  Parcul Carol dove mi portavano a passeggio i miei genitori.  Herastrau  il piu' grande parco con un lago naturale dovesi puo fare una passegiata in un piccolo vapore che fa un giro del lago o solo una traversata. Nel parco Herastrau si trova anche il Museo del Villaggio (Museul satului). Il Giardino Botanico vicino al Palazzo Cotroceni ( oggi la residenza del presidente romeno).



E un tour virtuale per la capitale, Bucarest ...
                                        



Come dicevo al inizio la posizione geografica e politica tra l'est e l'ovest hanno  influenzato anche la cucina romena. La Valacchia al sud sente molto le influenze balcaniche mentre la Transilvania che fino al 1 Dicembre 1918 è stata sotto l'impero Austroungarico ha una cucina molto simile a quella del vecchio impero.  In piu' le mode come quella francese nel 1800 e l'inizio del '900 hanno fatto la loro parte. Non devono essere dimenticate anche le minorità che in Romania  sono un 20-30 %  ungheresi, tedeschi, ebrei, zingari, aromani (macedoni), greci, turchi, tatari, bulgari, serbi e italiani alcuni arrivati secoli fà e altri soltanto nel '800- inizio del '900. La diversità culturale e anche ricchezza e ogniuno a portato i suoi piatti e le sue tradizioni.

    I piatti tradizionali ( questo non significa che sono tutti 100 % inventati dai cuochi romeni ) che si cucinano nelle case delle famiglie romene per le grandi ocasioni ( anniversari, matrimoni, battessimi e anche funerali ) e che uniscono tutto il paese sono : le sarmale ( involtini di verza acida o no, di foglie di vite ma anche in alcuni casi foglie di tiglio o foglie di raffano), il drob ( polpettone tradizionale a Pasqua, con le interiora del agnello ma per chi non mangia l'agnello con i fegatini di pollo e nelle variante moderne anche vegetariano con i funghi), ciorba ( una minestra acida che puo' essere di carne o verdure, con "perisoare" le polpette di carne macinata lessate nella minestra o "di burta" = di trippa come dice il nome preparata con la trippa ), le zuppe (supa) che significa un brodo chiaro di carne che si serve con "galusti" = gnocchi di semolino o con "taitei" = tagliolini . Questo supa cu taitei è anche uno dei piatti che non puo' mancare a un matrimonio tradizionale in Transilvania. Acanto a queste zuppe devo raccontarivi anche del bors, una minestra acida tipica in Moldova che si prepara con il bors = una bevanda preparata in casa facendo fermentare in acqua la crusca.

Non vorrei dimenticare la polenta ( mămăligă) che viene preparata in molti modi : veloce ( pripită)  o molto soda (vârtoasă), si serve con formaggio ( branză ) e burro, con latte (pezzi di polenta calda affogata nel latte freddo), a strati  con formaggio, salsiccia e uovo ( in paturi = in it. nelle coperte) , bulz nella sua ricetta tradizionale una palla di polenta ripiena di formaggio "branză de burduf" ( un formaggio impastato con sale e lasciato a staggionare in una vescica ), balmos la polenta cotta nella panna acida o siero o jintită il siero avanzato dopo la preparatione della ricotta ( urdă in romeno) e la lista puo' anche continuare...

    I formaggi romeni sono tanti divisi per il tipo di latte (vacino, pecora, capra o buffala) e per le zone di produzione,  le categorie importanti sono due: Brânză ( che è il formaggio bianco tipo la feta) e puo' essere fresco o salato, chiamato telemea, caș, urdă. Da questo si ottiene anche brânza de burduf  staggionata nella vescica ( burduf) o nella scorza di abete, pino. Un'altro formaggio importante che mi ricorda la mia infanzia  e "telemea de Braila " un formaggio bianco di pecora e molto grasso con semi di cumino.  E l'altro tipo di formaggio è il cașcaval, formaggio a pasta gialla tipo quello svizzero, puo' essere anche affumicato .

     Il dolce tradizionale che si prepara in tutta la Romania è il Cozonac. Preparato con pasta lievitata ( ricca di tuorli ) con forme diverse lungo o a coroncina.

     I piatti romeni sono legati anche alle feste religiose quindi a Pasqua : ouă rosii (uova colorate, pricipalmente in rosso), drob, agnello al forno, bors de miel ( minestra di agnello ), pască ( un dolce con pasta lievitata e ricotta ) e cozonac. A Natale sarmale, arrosto e preparate con carne di maiale, piftie    ( gelatina di maiale), tanti dolci piccola pasticeria (come cornulete )e come sempre cozonac. Per i funerali e per le giornate dedicate ai defunti  si prepara colivă ( un dolce di grano lesso con zucchero, noci, rum e ornata con zucchero e una croce con il cacao, nella variante tradizionale) . Gli antipasti sono numerosi e non mancano nelle tavole delle feste: salata beuf ( che sarebbe un'insalata russa con la carne di bovino o con il pollo ), le uova ripiene (ouă umplute), le tartine o i pomodori ripieni con insalata di melanzane (salată de vinete), uova di pesce ( icre ), fasole bătută ( fagioli secchi cotti e frullati con aglio ), cavolfiore (lesso) con la maionese, i funghi ( lessi) con la maionese, pastă de peste ( sardine sott'olio schiacciate con burro ), pepperoni ripieni di formaggio telemea.

Il cibo di strada non manca, a Bucarest sono famosi  i covrigi ( un tipo di pretzel con sale e/o semi di papavero) e merdenele ( pasta fillo con formaggio salato /telemea). In Dobrogea sul litorale del Mar Nero non dovete perdere la "placinta dobrogeana" ( di origini balcaniche come ricetta perche si trova anche in ex Jugoslavia come burek o in Bulgaria la ricetta romena con il formaggio tipico "telemea de Dobrogea" un po' piu' forte come sapore e unica ). In Transilvania ma oggi anche in altri posti ( sul litorale o nei posti di intereso turistico  ) troveremo una ricetta di origini ungheresi Kurtos colac.


Anche i dolci romeni o almeno quelli che si preparano in Romania meritano un posto speciale: in Transilvania la pasticeria subisce molte influenze autroungheresi quindi troveremo tante ricette simile anche se alla fine ogni famiglia ha fatto delle modifiche nella sua ricetta, in Moldova i coltunași e placinta "poale in brau" ( in italiano si traduce con  "l'orlo del vestito alzato nella cintura " per il suo modo di coprire il ripieno con l'impasto. Nella parte sud sempre placinte ( plurale di placinta) piu' con la pasta fillo che con l'impasto lievitato come si usa in Moldova.
Qui si aggiungono le confetture che in Romania sono piu' con la frutta intera, le albicocche si mettono in acqua di calce prima e poi a bollire con lo zucchero cosi rimangono intere e transparenti (questa era una specialità della mia nonna paterna insieme alla marmellata di cotogne con aroma di indushaim ( un tipo di foglie di geranium) o quella di cilliege nere e la lista puo' continuare mentre la mia nonna materna preparava anche la confettura con de bucce di arance e quella con la scorza di anguria e una marmellata di prugne senza zucchero, cotta per tante ore a fuoco basso fino quando perde tutto il licquido.


Devo per forza chiudere il post e non vorrei annoiare nessuno con le mie chiacchiere quindi aggiungo qui due link che portano ai blog (in italiano) delle mie amiche Nicoleta  e Angela loro come me mettono in evidenza le ricette romene. In inglese  qui , qui, qui, qui, qui e un bellissimo blog da leggere con alcune ricette ma anche con foto e racconti ( in inglese ) Love Romania . In wikipedia Romanian cuisine.



                        Drob - con i fegatini di pollo



Drob - una parola proto slava con significati diversi dal bulgaro дроб che significa lungo ma anche interiora o fegato come anche nel serbo e croato mentre nel russo significa "un pezzo" . Da qui anche i due significati che troviamo nel dizzionario delle lingua romena : drob come piatto ( lungo, preparato con le interiora ) ma anche drob de sare ( di sale) che significa un pezzo, un sasso di sale ( il sale in Romania si estrae dalla miniera ).


Ingredienti :

800 gr fegatini di pollo
4 uova fresche
2 uova sode
6-8 cipolotti ( con la loro parte verde)
2 spicchi d'aglio ( in originale 4-6 aglio verde come i cipolotti )
una manciata di prezzemolo fresco tritato e una di aneto fresco tritato ( io ho usato aneto secco, 2 cucchiai )
sale, pepe

olio o burro per la teglia e pangrattato o carta da forno ( nel originale si usa la reticela del agnelo o quella di maiale )

- lesate i fegatini in acqua con sale per 15 minuti, scolate e lasciate raffreddare
- sbucciate le uova sode
- tagliate con la mezzaluna i cipolotti e schiacciate l'aglio
- tagliate a cubetti molto piccoli i fegatini o gli potete grattugiare sulla parte grande della grattugia
- mescolate i fegatini con i cipolotti e l'aglio, aggiungete le 4 uova sbattute leggermente , sale, pepe e prezzemolo e aneto e impastate tutto con le mani
- imburrate o oleate una teglia 24cm*10cm*6cm e spolverate il pangrattato o mettete la carta da forno o la reticela
- versate nella teglia 1/2 del composto, adaggiate le uova sode e sbucciate nella lunghezza della teglia e coprite con il composto avanzato
- infornate a 190-200°C per 30 minuti quasi o fino quando risulta cotto ( non deve cuocere troppo perchè non deve seccare troppo, piu' è secco piu' si sbricciola ).
- tagliate e servite freddo

in romana

Drob din ficatei de pui

ingrediente :
800 gr ficatei de pui
4 oua crude
2 oua fierte tari
1 legatura de ceapa verde si una de usturoi verde sau in lipsa lui 2 catei de usturoi
1 legatura de patrunjel verde tocat si una de marar sau in lisa ei eu am pus 2 linguri cu marar uscat tocat
sare, piper

prapure daca avem sau daca nu ulei sau unt pentru unsa tava, pesmet  sau hirtie de copt .. depinde ce alegem

- punem la fiert ficateii in apa cu sare 15 minute
- ii scurgem si ii lasam la racit
- curatam de coaja cele 2 oua fierte tari
- tocam marunt ceapa verde si usturoiul sau strivim cateii de usturoi daca nu avem usturoi verde
- tocam marunt cu cutitul sau radem pe razatoarea mare ficateii de pui, adaugam ceaopa si usturoiul, verdeata tocata si cele 4 oua batute usor cu furculita, sare si piper. Amestecam cu mina.
- ungem tava si preseram pesmet sau punem praporul sau hirtia de copt, cum hotariti si varsam jumatate din compozitie, asezam cele 2 oua fierte tari in lungime /culcate si acoperim cu restul de compozitie.
- introducem tava ( 24*10*6 cm) la cuptor, in cuptorul gata incalzit la 190-200°C pina cind se rumeneste cca 30 minute
Nu trebuie sa se coaca prea mult caci devine sfarimicios , se taie rece .


 english

ingredients :

800 chicken liver
4 eggs
2 hard boiled eggs
6-8 green onion
2 cloves of garlic (in original 4-6 green garlic)
a handful of chopped fresh parsley and another  with fresh dill, chopped (I used dried dill, 2 tablespoons)
salt and pepper

oil or butter to the pan and bread crumbs or parchment paper


- boil in salt water the chicken  livers for 15 minutes, drain and let cool

- Peel the boiled eggs

- Cut  the green onion ( include the green part) and crushed the garlic

- Cut into very small cubes chicken livers or you can grate on the large grater

- Mixed with onion, garlic the chicken  livers, add the 4 beaten eggs slightly, salt, pepper, parsley and dill and mix with your hands

- Buttered or oiled pan a 24cm * 10cm * 6cm and sprinkle the breadcrumbs or place the baking paper

- Pour into the pan 1/2 of the mix, put the two  hard-boiled eggs, peeled, in the length of the pan and cover with the advanced  mixture

- Bake at 190-200 ° C for 30 minutes or until it is  cooked (do not overcook ).

- Cut and serve cold



Please find romanian recipe in english   here , here, here, here, here and a beutiful blog to read  Love Romania . In wikipedia Romanian cuisine.



Se volete partecipare al Abbeccedario Culinario con ricette romene lasciate il vostro link come commento a questa ricetta, invece se avete domande o se vi serve la traduzzione di una ricetta dal romeno in italiano o inglese potete usare anche l'indirizzo mail cucinadicristina@gmail.com

If you want to participate in the  Culinary ABC with a  Romanian recipe leave your link as a comment to this post, however if you have any questions or if you need the to translate a recipe from Romanian into Italian or English you can also use the e-mail address cucinadicristina@gmail.com


Le ricette romene del abbecedario :

Sarmale, un piatto della tradizione rumena di Anna e Peppe Cibi di casa

Ciorba de perisoare - Minestra con le polpettine di carne   di Lucia  Torta di rose

Placinta cu mere - La torta di mele rumena  di Resy Le tenere dolcezze di Resy

Cozonac di Cindy Cindystar

Bulz ardelenesc - Palle di polenta  di Resy Le tenere dolcezze di Resy

Mititei o mici (salsicciotti romanei)  di   Anima Paleo Armonia Paleo

Sarmale - involtini di verza con carne e riso di Sara  L'eleganza del polpo 

Papanasi prajiti cu smantana si dulceata di Resy Le tenere dolcezze di Resy

Prajitura cu capsuni ovvero torta di fragole di Elena Zibaldone culinario

Mamaliga cu branza di Martina Mangiare è un po' come viaggiare

Cozonac di  Tamara  Un pezzo della mia maremma

Ciorba de laptuci romena - Zuppa romena di lattuga di Anima Paleo Armonia Paleo

Ciorba taraneasca o zuppa contadina di Rosa Maria Torte e dintorni

Confettura di mele cotogne e foglie di  pelargonium / indushaim  di Brii Briggishome 

Pasca rasucita (la torta pasquale ritorta) di Brii  Briggishome 

Fasole bătută di Simona Briciole

Papanasi fierti (papanasi lessati) di Nicoleta Agenda di Nico

Mancare de praz cu masline …porri con le olive alla rumena – Romanian leeks with olives  di Terry Crumpets and Co

Dolce romeno al uvetta e rum di  Speedy A tutta cucina

Covrigi di Gaia Profumo di mamma

Placinta cu mere di Brii Briggishome

Ciorba de perisoare - Minestra con polpette rumena  di Cinzia Cindystar

Cozonac - Romanian Easter Bread  by Lynne  Cafe Lynnylu

Orez cu prune uscate- Rice with dry plums by Oana Amintiri din Bucatarie/ Memories from the Kitchen

La torta di mele della nonna di Any di Roberta The dreaming seed

Chiftele de vinete - Polpette di melanzane di Mony Gata da plar

Biscuiți cu nuci - biscotti con le noci di Rosa Maria Torte e dintorni

Pasca Rasucita - Pane dolce pasquale rumeno    di Cinzia Cindystar

Ciuperci invelite - funghi ricoperti   di Alessia Le bisquit à soupe

Branzoaice trandafir - rose ripiene di ricotta  di Elena Zibaldone culinario

Pasca - il dolce tipico pascale romeno di Resy Le tenere dolcezze di Resy

Ardei umpluti - peperoni ripieni rumeni di UB Un uomo dal bagno alla cucina

Ciolan afumat cu fasole boabe  di Alessandra Food 4 thought

Borș - crusca di frumento fermentata - fermented wheat bran di Simona Briciole

Tocanita de pui cu mamaliga -pollo brassato con polenta  di Cristina Tutto a occhio

Gogosi di Haalo Cook (almost) anything at least once 

Supa de pui cu galuste de gris di Aiu' Trattoria MuVarA

Drob ( cu ficatei de pui - con fegatini di pollo - with chicken liver) di Cristina La cucina di Cristina

Mancarica de bob - Fave in umido - Fava beans with tomato sauce di Cristina La cucina di Cristina


La revedere !

o meglio  Au revoir !

perché da oggi si va in Francia con la nostra Elena Zibaldone Culinario

Ultimi commenti