Strozzapreti ( de post)











Le leggende e le spiegazioni del nome sono varie, ma tutte comunque ruotano attorno alla situazione di storico anticlericalismo creatosi in Romagna fra la popolazione oppressa dalla lunga dominazione dello Stato Pontificio. Il territorio romagnolo fu donato alla Chiesa dai Franchi fin dalla seconda metà del secolo VIII e, fra vicende alterne, rimase legato allo Stato Pontificio fino alla fine del Settecento e alla calata di Napoleone in Italia. Alla caduta di Napoleone i territori romagnoli tornarono alla chiesa, ma contro il ripristinato potere papale scoppiarono moti e rivolte che prepararono un terreno fertile, in queste terre, per la partecipazione al Risorgimento Italiano.
Il livello di sopportazione romagnola nei confronti delle oppressioni clericali portò, dunque, al conio del nome ‘strozzapreti’. Questo potrebbe derivare dall’augurio a soffocarsi che le ‘azdore’ romagnole facevano ai preti ogni volta che cucinavano questa pasta in un moto di ribellione di fronte alla miseria ed ai disagi della vita di tutti i giorni. C’è anche chi sostiene che il nome derivi dal fatto che le donne romagnole preparassero questo tipo di pasta per offrirla al prete del paese e che i mariti augurassero al prete di “strozzarsi” mentre si abbuffava della gustosa minestra.








200g di farina, acqua tiepida e sale





Disporre la farina a fontana aggiungere un pizzico di sale e versare l’acqua nella farina in quantità sufficiente per ottenere un impasto piuttosto consistente ma omogeneo. Lavorarlo per qualche minuto con il palmo della mano, quindi stendere col mattarello una sfoglia dello spessore di circa 2 mm. Tagliare delle striscioline larghe circa 1,5 cm e prenderne una alla volta, arrotolarle fra le palme delle mani per spezzarle, poi, con le dita, così da ridurle ad una lunghezza di 8-10 cm circa. Riempire una pentola d'acqua e portarla a bollore, salarla, versare gli strozzapreti e far cuocere per circa 4 minuti. Condire con sugo








***************





Strozzare= a sugruma/ a stringe de git preti= preoti Paste tipice din Romagna unde ceva timp in urma biserica ( adica conducatorii ei ) nu era bine vazuta iar romagnoli iubeau indepenta ( nu vroiau sa fie sub papucul statului Pontificio) .... De aici numele acestor paste ...Romagna a fost donata in a doua jumatate a secolului VIII Statului Papal ( Pontificio) si a ramas sub acesta pina in 1700 cind Napoleon a intrat in Italia si a ramas liber pina cind Napoleon a cazut .. dupa aceasta a revenit in mina papei . Legende sunt mai multe dar toate spun acelasi lucru : ura oamenilor locului, saraci si asupriti contar preotilor care se "indopau" si traiau bine ... Deci ori gospodinele blestemau preotii cind gateau ori ca femeile din sate obisnuiau sa gateasca aceste paste pt preotul satului iar sotii gospodinelor ii doreau preotului "sa ii ramina in git" ( n.a. cam asta am gasit eu ca explicatie a numelui )
Se fac de obicei cu sos bogat de carne si cirnat sos tipic /ragu' romagnol ... eu insa am inventat unul in stilul mincaricii de vinete facute de Roxana

Ingrediente pt 2 portii :
pasta :
200 gr faina 00
cca 130 ml apa calda ( calduta nu fierbinte)
un praf de sare
daca apa e prea multa se mai adauga faina ... tb sa rezulte un aluat elastic si care sa nu se lipeasca de mini sau de planseta Se framinta si se intinde in foaie subtire cam de 2 mm ... se taie fisii late de 1,5-2 cm si apoi bucati de cca 5 cm . Fiecare bucatita se ruleaza cu degetele si cu palma fara sa apesi ca sa se obtina forma specifica ... tb sa arate ca un prosop rasucit Pe un servet de pinza se presara faina si se aseaza strozzapreti la distanta unul de altul. Se lasa la uscat cit timp se pregateste sosul .

sosul :
se pune intr.o tigaie 1-2 linguri de ulei 1/2 ardei gras ( mai mare ) sau unul mic taiate patrate mai maricele 1/2 vinata taiata in sfert pe lung si apoi felii cam de 0,5 cm 1 dovlecel mic taiat rondele cine vrea poate pune si ceapa sau usturoi se calesc si cind s-au inmuiat putin se stropesc cu putin vin , cind vinul s-a evaporat se adauga cam 1 pahar de suc /pasta de rosii , putina apa si eu am pus si 2 linguri de lapte ... se lasa sa scada sosul ... se amesteca din cind in cind ... iar la sfirsit se adauga si maslinele (de preferat verzi ) fara simburi si taiate rondele ...

Pastele se fierb in multa apa cu sare cam 5 minute ( dar e binesa le gustati ) si e si mai bine daca le scoateti din apa si le puneti in sos direct sa mai dea macar 1 clocot ...

Nessun commento:

Ultimi commenti