Crostino di polenta con fegato nella reticella, grigliato e crema di borlotti - Felie de mamaliga cu ficat la gratar si crema de fasole rosie


 
Si mettevo anche una foglia di alloro a ogni pezzo di fegato e lo facevo frigere nell olio o strutto potevo dire che e la ricetta tipica per “festeggiare” l’uccisione del maiale, la “vera ricchezza” nella cultura contadina. Questo particolare piatto veniva preparato proprio il giorno del “sacrificio” del suino e in occasione della festa di Sant’Antonio Abate (Sant’Antuono), protettore degli animali e, in modo particolare del maiale, il 17 gennaio e veniva offerto ai vicini e ai parenti per condividere con loro la buona fortuna per l’intero anno solare. Questa tradizione è ormai quasi del tutto scomparsa anche se in molti centri rurali e non, si festeggia ancora il Santo con le “vampe”, i fuoconi di cascine e mobili vecchi che venivano bruciati per scaramanzia aspettando il risveglio della primavera. La “rezza” è il peritoneo del maiale.

per la polenta :
1 tazza di farina di mais
3 tazze di acqua
1 cucchiaino di sale grosso
si fa bollire per 40 min, si stende sulla carta da forno bagnata e si lascia ad asciugare per bene. Se taglia a pezzi con un coltello o con le forme dei biscotti.
Si fa grigliare insieme al fegato

per il fegato:

fegato
reticella
sale
pepe
rosmarino

ogni pezzo di fegato si mette nella reticella e si fa friggere sulla griglia / piastra molto calda pero a fuoco abbastanza basso insieme con il rosmarino .. alla fine il sale e il pepe

per il contorno
crema di borlotti fatta con il frullatore ad immersione e con un po' di olio e sale


in romana :
Daca ii mai puneam si o frunza de dafin verde pe fiecare felie de ficat impreuna cu praporele si il prajeam in ulei sau untura era reteta traditionala de 17 ianuarie - sf Anton abate protectotrul animalelor si in special al porcului .. iar acest fel de mincare era pregatit pt a sarbatorii taierea porcului si era impartit cu prietenii si vecnii ca sa poarte noroc in anul care vine...Obicei tare asemanator cu pomana porcului in Romania.

pt mamaliga
1 cana de malai
3 cani de apa
1 lingurita de sare groasa

fiarta cca 40 minpe o tava sau un fund mai mare se aseaza o bucata de hirtie de copt care a fost umezita si strinsa bine in pumn ... dc nu aveti hirtie puteti umezi cu mina fundul de lemn.. ideea e sa nu se lipeasca mamaliga ... se intinde mamaliga in strat uniform si se lasa la racit... cind e rece se taie patrate sau cercuri sau ce forma vreti ... puteti sa o taiati cu un cutit sau cu formele de biscuiti ...
mamaliga felii se prajeste si ea pe gratar pt citeva minute impreuna cu ficatul

pt ficat :
o bucata de ficat o bucata de prapor ( reteaua care se foloseste si la drob)
rozmarin
sare
piper
se taie ficatul felii, se aseaza fiecare felie pe prapor, se rasuceste ca sa fie acoperit de prapor pe ambele parti si apoi se taie ... se pune ficatul asa invelit la copt pe gratarul incins bine si se coace la foc nu ff mare nu ff mult timp pt ca o coacere/frigere indelungata il va intari . Pe gratar se aseaza si crengute de rozmarin ( dc aveti) la final se sareaza si se pipereaza

garnitura :
fasole boabe ( rosie ) fiarta
ulei
sare
usturoi ( dc vreti)

se mizeaza in blender fasolea cu uleiul, usturoiul( dc vreti) si sarea .. putin ulei doar cit e nevoie ca sa devina putin cremoasa fasolea ...

Nessun commento:

Ultimi commenti