Malloreddus al ragu' di funghi - Malloreddus cu ragu' de ciuperci





I malloreddus, definiti anche gnocchetti sardi, sono senz'altro la più classica delle paste sarde. Hanno la forma di conchiglie rigate lunghe da circa 2 cm in su, e son fatti di farina di semola e acqua.

Il termine malloreddu (plurale malloreddus) è un diminutivo di malloru, che in sardo campidanese (Sardegna meridionale e centro-meridionale) significa "toro". Di conseguenza, malloreddus vuol dire "vitellini".La lavorazione manuale dei malloreddus in ambito domestico avveniva impastando la semola di grano duro con l'acqua, e si creavano delle listarelle arrotolate di pasta della lunghezza di circa 15 cm, le quali venivano tagliate a cubetti. Dopodiché si otteneva la forma schiacciando i cubetti di pasta contro l'estremità di un cesto in paglia, detto su ciuliri ("il setaccio"), se ne ricavava un prodotto panciuto che nell'immaginario del mondo agropastorale assumeva la forma di piccoli vitelli (si pensi a espressioni quali bello grasso come un vitellino).

Per la pasta :

semola di grano duro
acqua tiepida
sale

per il ragu'
funghi
olio
pasata di pomodoro
sale, pepe q.b.

Impastate la farina con una presa di sale e poca acqua tiepida. Dovete ottenere un impasto omogeneo ma piuttosto sodo. Staccate un pezzetto di pasta rotolatelo sul piano di lavoro per ottenere un salsicciotto spesso circa mezzo centimetro. Staccate pezzetti lunghi come un fagiolo e schiacciateli sotto il pollice sulla forma per i gnocchi. Fatelo rotolare fino a quando sarà arricciato. Preparate in questo modo tutti i malloreddus e lasciateli essicare per un paio di ore o giorni distesi su un asse di legno o una tovaglia infarinata. Lessate i malloreddus in abbondante acqua salata. Scolateli al dente e condite con il sugo.

Facciamo rossolare i funghi nell'olio, aggiungeamo la apsata di pomodoro e un po' d'acqua di cottura della pasta. Condiamo alla fine con sale ( se c'è bisogno ) e pepe.



in romana :


"I malloreddus" numiti si gnocchetti ( galuste) specifici din Sardinia( Sardegna) sunt cele mai clasice paste sarde. Au forma de mici scoici dungate, lungi de cca 2 cm si sunt facuti cu faina "semola de griu dur" si apa. Cuvintul malloreddu (plural malloreddus) este un diminutiv de la malloru, care in limba sarda campidanese (Sardegna meridionala si centru-meridionala) inseamna "taur". Deci ,malloreddus inseamna"vitelusi/taurasi". Pregatirea manuala a malloreddus in casa/familie se facea framintind semola de grau dur cu apa, si se creazu bastonase /suluri de aluat cu o lungime de cca 15 cm, acestea erau apoi taiate in bucatele. Dupa care se obtinea forma finala strivind cu degetul mare fiecare bucata de aluat pe extremitatea unui cos de rachita , denumit su ciuliri ( trad. "sita"), rezulta o pasta rotunjoara care in imaginatia pastorilor/ crescatorilor de animale si lucratorilor de pamint din acele vremuri avea forma unor micuti vitelusi/taurasi ( ne duce cu gindul la exresia gras ca un vitel).


pasta :
semola de griu dur
apa la temperatura camerei
sare

sosul:
ciuperci
ulei
rosii bucati in suc de rosii
sare, piper

Se amesteca faina cu putina sare si cu apa cit e nevoie ca sa se adune toata faina. Apoi aluatul se framinta mult pina cind devine elastic, se albeste usor si formeaza mici bule de aer care nu se vad bine cu ochiul liber dar cind famintam se aud cum se sparg .. in fine ideea e ca numai framintat mult capata elasticitatea necesara. Se lasa apoi in folie de plastic sa se odihneasca putin... Puteti sa faceti pauza de framintat si sa il mai tineti in folie de plastic pe masa in bucatarie, intr-un loc mai cald (NU in cuptor .. dar nici in frigider ). Rupeti o bucata de aluat si faceti un sul gros de 1/2 de cm si nu ami lunge de cca 15 cm. Apoi taiati sulul obtinut in bucati lungi cit o boaba de fasole pe care le striviti cu degetul mare pe o forma de gnocchi sasu chiar pe dosul unui razatoare sau marginea unui cos de rachita / paie.. faceti sa se rostogoleasca bucata de pasta in asa fel sa se formeze un rotocol..Important e sa capete ceva striuri pe care in final se va aseza mai bine sosul. Astfel pregatite le lasti sa se usuce pe planseta de lemn sau pe un servet de pinza ( in/ bumbac) infainata pt citeva ore sau chiar zile ( nu are ou deci nu se strica). Se fierb in apa sarata si cu un for de ulei . Se strecoara cind sunt fierte "al dente" .. adica dupa ce se ridica la suprafata le mai lasati cca 1 minut.Si se condimenteaza cu sosul. Calim ciupercile cu putin ulei sau unt , adaugam rosiile si putina apa in care au fiert pastele si lasam sa fiarba pina scade sosul. Condimentam cu sare ( dc e nevoie.. caci apa de la paste era deja sarata) si piper.

Nessun commento:

Ultimi commenti